PIU’ FIDUCIA VERSO L’ITALIA DAGLI INVESTITORI – 29 FEBBRAIO 2024

Lo spread BTP BUND é stato utilizzato per anni, ai tempi della crisi dell’Euro (cominciata nel 2011) per sottolineare in più contesti – giornali, radio, televisione – il divario di fiducia che il mercato riponeva nell’Italia rispetto a quella che invece aveva nella Germania.

Quest’ultima, nazione considerata virtuosa per definizione, era comunque avvantaggiata in maniera spropositata da una valuta (l’euro) che, essendo una media tra tutte le monete del paniere europeo, era molto più debole di quanto sarebbe stato il Marco tedesco, e finiva per avvantaggiarla indebitamente nelle esportazioni.  Il contrario avveniva per l’Italia, strozzata da un cambio che di fatto non era flessibile e che impediva di scaricare sulla moneta i problemi di competitività e di affidabilità che la nostra nazione aveva (ed in grossa parte ancora ha).

Questa ormai é storia (quasi) passata. E oggi? Cosa ci dice lo Spread BTP/BUND? Questa misura é in costante discesa oramai da parecchio tempo e non ci stupiremmo se nell’arco di qualche mese la ritrovassimo a quota 100 (vedi figura). Sotto 100 basis point si aprirebbero ulteriori spazi di recupero fino in area 60 circa. Il nostro Paese, insomma, é entrato in un vortice di crescita di fiducia che ci potrà portare chissà dove.

Conclusioni: il mercato sta lentamente, ma costantemente, recuperando fiducia nell’Italia. Questa é un’altra delle ragioni per cui il mercato azionario continua a salire in maniera quasi imperturbabile, rendendo il nostro Paese tra i migliori di questo periodo. Questo é un altro elemento aggiuntivo che ci rende rialzisti sulle Borse. Per tutti i dettagli del caso si può leggere il report di Analisi Integrata al link qui sotto.

PER L’ULTIMO REPORT DI ANALISI INTEGRATA E LA NOSTRA STRATEGIA SULLE BORSE CLICCA QUI

È online un nuovo report di Analisi Integrata: ""Turbolenza politica europea""
Leggi ora