GRECIA E PORTOGALLI: GLI ULTIMI SARANNO I PRIMI – 7 NOVEMBRE 2023

RIPROPONIAMO UNA VERSIONE ABBREVIATA DELL’ARTICOLO SUGLI INDICI DI PORTOGALLO E GRECIA, PURTROPPO CANCELLATA PER PROBLEMATICHE TECNICHE: CI SCUSIAMO PER L’INCONVENIENTE.

C’erano una volta i cosiddetti PIGS: Portogallo, Italia, Grecia e Spagna. Questo acronimo era stato coniato in concomitanza con la crisi del debito al fine di evidenziare Paesi europei caratterizzati da un elevato livello di indebitamento e problemi strutturali.

Nel corso degli ultimi anni i PIGS non sono più tali: nel caso di Portogallo e Grecia, infatti, é evidente come l’andamento in Borsa sia stato in linea se non addirittura migliore di quello di indici guida come DAX e CAC40. Il merito può essere attribuito anche alle manovre fiscali ed economiche del tipo “lacrime e sangue” che hanno riportato un minimo di ordine nei conti pubblici dopo dolorose ristrutturazioni del debito (Grecia) e non solo.

Anche nel caso di Italia e Spagna (gli altri 2 PIGS), in effetti, le performance ultimamente sono migliorate in maniera consistente rispetto ai periodi problematici della crisi del debito (2011).

Deteniamo, anche se non in percentuale elevata, alcune posizioni sulla Grecia in portafoglio.

PER LA STRATEGIA COMPLETA SULLE BORSE DI CESANO FINANZA CLICCA QUI E SCARICA GRATUITAMENTE IL REPORT

È online un nuovo report di Analisi Integrata: ""Turbolenza politica europea""
Leggi ora